La nostra redazione è sostenuta dai lettori. Tra l'altro, ci colleghiamo a negozi online selezionati e a partner dai quali possiamo ricevere una remunerazione. Per saperne di più.

Quanto è veloce un kayak? Questa domanda viene spesso posta da canoisti che stanno pianificando un tour più lungo.

A tal fine è importante conoscere la velocità media del kayak.

Con l’aiuto di questo valore, la distanza totale può essere suddivisa in percorsi individuali.

La distanza giornaliera è determinata dalla velocità media. Tuttavia, la velocità massima e la velocità media raggiungibili con un kayak dipendono da molti fattori, ma quali sono i valori realistici per il kayaker medio?

Oppure: quanto è veloce un kayak?

Il kayaker medio con una certa esperienza e un livello di forma fisica moderato raggiunge una velocità media di 5 chilometri all’ora.

Numerosi fattori come la tecnica di pagaiata, la forza, la resistenza, il moto ondoso, la velocità del vento, la velocità della corrente, il carico, la lunghezza e la costruzione del kayak influenzano la velocità media.

I canoisti esperti possono anche raggiungere velocità medie di 6-7 chilometri all’ora con un kayak lungo.

Con l’aiuto di questi valori, un viaggio in kayak di più giorni può essere suddiviso in singole sezioni, ma qual è la velocità massima che si può raggiungere in kayak? In effetti, ci sono record nel Guinness dei primati. Nel 2013, l’atleta di resistenza Brandon Nelson ha percorso l’incredibile distanza di 244,4 chilometri in un solo giorno.

Ha raggiunto una velocità media di oltre 10 chilometri all’ora, per un periodo di 24 ore. La velocità media comprende anche le tre volte in cui Nelson è caduto in acqua durante il tentativo di record.

La velocità massima teorica con un kayak

La velocità massima che si può raggiungere secondo la teoria è determinata dalla lunghezza del kayak ed è chiamata velocità dello scafo. Il valore (in km/h) viene calcolato con la seguente formula: Radice quadrata della lunghezza del kayak moltiplicata per il fattore 4,5.

Con una linea di galleggiamento di 4 metri, la velocità massima possibile è pertanto di 9 km/h. Con un kayak di 5,5 metri, invece, si può raggiungere un massimo di 10,55 km/h. Va notato che con un kayak di quattro metri, la velocità dello scafo è sicuramente un limite.

I canoisti esperti possono raggiungerli e vengono rallentati di conseguenza. Nel caso di un kayak da 5,5 metri, solo pochi kayakisti davvero ben allenati ed esperti si avvicinano alla velocità massima di 10,55 km/h.

Il collegamento tra la velocità del kayak e il materiale

L’accelerazione è molto più facile con le barche leggere. Il peso ridotto fa sì che i kayak reagiscano rapidamente e siano generalmente molto agili in acqua. Tuttavia, le caratteristiche di guida sono anche più influenzate dal vento e questo può causare derapate.

In generale, i kayak realizzati con materiali leggeri come la fibra di vetro, il kevlar o il carbonio sono più veloci dei kayak in PE, che sono particolarmente apprezzati dai principianti e anche perché sono molto robusti.

Se si punta a velocità elevate o si vogliono fare lunghe escursioni, è quindi meglio scegliere un materiale per kayak di alta qualità e allo stesso tempo non troppo pesante.

I kayak solidi in fibra di vetro e simili costano un po’ di più, ma sono anche molto più veloci. Una regola empirica è che, rispetto a un kayak in PE, i modelli in vetroresina, kelvlar o carbonio sono più veloci di 1 km/h.

Il vantaggio dei kayak in polietilene, tuttavia, è che queste imbarcazioni perdonano le collisioni grazie alla loro struttura robusta. Torniamo alla differenza di velocità. Il valore di 1 km/h non sembra molto all’inizio. Se si pronuncia la differenza nella forma completa, si ottiene già un chilometro all’ora.

Se si pagaia un chilometro in più ogni ora con lo stesso sforzo, si raggiunge la destinazione molto più velocemente. Con cinque ore di navigazione al giorno, questo fa rapidamente la differenza tra due campeggi. Si beneficia anche della velocità supplementare nelle controcorrenti.

Con una controcorrente di 2 km/h, si percorrono due chilometri all’ora a una velocità media di 4 km/h in un kayak PE. Con un kayak più leggero, invece, sarebbero tre chilometri – già il 50% in più.

Questo piccolo esempio di calcolo mostra chiaramente che le correnti non possono essere trascurate nella pianificazione dei tour. Oltre alla velocità del flusso dell’acqua, anche il vento svolge un ruolo importante. Non ci sono problemi con velocità del vento di 20 km/h o meno.

Per i principianti, tuttavia, i progressi possono essere difficili con un vento contrario di 40 km/h (forza del vento da 5 a 6). Anche le previsioni del tempo dovrebbero quindi far parte della preparazione. In acque aperte, il moto ondoso ha naturalmente un’influenza significativa sulla velocità media e massima.

Cosa significa questo per i chilometri giornalieri?

Per la pianificazione del viaggio, è importante stabilire quanti chilometri giornalieri si possono percorrere. Quando si divide un percorso totale in singoli tour giornalieri, la stima della velocità media è quindi molto importante.

Per il kayaker medio che ha già compiuto qualche tour, si applica una velocità media di 5 chilometri all’ora. Di norma, quindi, si possono prevedere da 10 a 20 chilometri al giorno.

Per i canoisti in forma, con una buona tecnica di pagaiata e dotati di un kayak lungo, il limite massimo reale può essere facilmente doppio o triplo.

Naturalmente, non è necessario avvicinarsi ai 244 chilometri percorsi da Brandon Nelson nel suo tentativo di record mondiale. Tuttavia, la distanza coperta da Nelson è un buon segno per vedere cosa è possibile fare.

Quando si pianifica l’itinerario della giornata, la velocità della corrente, l’intensità del vento e il moto ondoso giocano un ruolo importante. Occorre inoltre considerare la disponibilità di aree di sosta.

Se lungo il percorso c’è un campeggio ogni tre chilometri, è necessario pianificare meno che se si deve scegliere tra due aree di sosta raggiungibili solo attraverso una deviazione dal percorso.

Non dimenticare: Punti di trasferimento e trasporto terrestre

I tanti piccoli compiti non devono essere trascurati nella pianificazione del tempo. Se si va in kayak con una tenda, bisogna sempre prevedere qualche minuto per montare e smontare.

Anche il check-in e l’uscita dall’area di sosta e l’acquisto di provviste richiedono tempo. Non bisogna inoltre trascurare il costo del trasporto terrestre. I punti di trasferimento non sono solo faticosi, ma devono essere considerati anche in termini di tempo.

Negli sport acquatici bisogna sempre tenere conto delle condizioni meteorologiche. In fin dei conti, si tratta di uno sport all’aperto che dipende sempre dal vento e dal tempo. Soprattutto in prossimità delle montagne, il tempo può cambiare in pochi istanti. Quello che un momento prima era il sole può trasformarsi in un forte acquazzone pochi minuti dopo.

Naturalmente, non è necessario dipingere il diavolo sul muro quando si pianifica. È molto più consigliabile pianificare due giorni di troppo per un tour in kayak che dura diverse settimane, in modo da non dover andare quando l’acqua è cattiva.

Non limitatevi a dividere la distanza totale in tratti di uguale lunghezza e ad assegnarli ai singoli giorni, altrimenti dovrete andare in acqua anche in caso di maltempo. Ma anche in questo caso, chi è ancora molto in ritardo può recuperare la distanza sotto la pioggia con l’attrezzatura giusta.

Conclusione

Nei tour più lunghi, i kayakisti raggiungono una velocità media di 5 chilometri all’ora. Fattori come l’esperienza con l’attrezzatura sportiva, la forma fisica, il kayak e le condizioni atmosferiche influenzano questa velocità. I principianti si muovono in genere a 3 o 4 km/h. I pagaiatori esperti, invece, possono mantenere una velocità di 6-7 km/h o più.


Fonti

[1] https://www.wetterkontor.de/de/bft_tabelle.html

La redazione di Wellenliebe.de è composta da veri appassionati di sport acquatici. Dai kayakisti, ai velisti, ai subacquei, agli stand-up paddler, sono rappresentati (quasi) tutti gli sport acquatici. I nostri contenuti sono stati letti milioni di volte e sono stati ripresi da molti giornali.

Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments